Huawei WiFi Q2 Pro – Recensione

Huawei WiFi Q2 Pro – Recensione

23 Marzo 2020 0 Di Raffaele Fasano

Tutti utilizziamo il WiFi. Esso pervade le nostre case ed i nostri ambienti di lavoro e di svago, diventando così fonte di ristoro per i nostri device sempre più assetati di giga e di dati. Non sempre tuttavia i modem che i provider danno in dotazione o quelli di basso livello riescono a coprire le nostre esigenze di copertura del segnale e di velocità offerta. E’ per questo che da qualche anno sono in circolazione dei Modem/Router di tipo mesh, che grazie alla loro tecnologia riescono ad allargare la portata del nostro WiFi senza perderne in qualità di segnale, come invece accade di solito coi normali repeater, che si limitano a far “rimbalzare” il segnale che ricevono dal router di origine.

Il prodotto

Il device che andiamo oggi a recensire è il Huawei Wifi Q2 Pro. Esso è composto da una base principale che funge da modem/router. Il design è molto interessante, e ci permette di piazzarlo in ogni stanza della casa senza risultare fuori luogo. L’importante è che ci sia, ovviamente, un cavo ethernet che ci permetta di collegarlo al nostro modem base. Il router ha un accattivante colore bianco, messo in risalto dal led azzurro (o rosso in caso di malfunzionamento) che percorre tutta la base. Sulla parte frontale troviamo il tasto di sync che ci tornerà utile in caso acquistiamo altri device della stessa famiglia e ci consentirà di sincronizzarli velocemente, mentre nella parte posteriore troviamo un ingresso WAN da utilizzare per collegarlo al modem, due uscite ethernet da 1Gbps, il tastino per il reset e l’ingresso per il cavo di alimentazione. Meno riuscito il design del satellite. Esso va connesso direttamente in presa elettrica e risulterà parecchio sporgente, e attirerà inevitabilmente le piccole manine dei nostri figli che saranno attratti dal piccolo led blu posto nella parte frontale. Nella parte in basso troviamo una uscita ethernet da 1gbps e il forellino per il reset.

Primo approccio e interfaccia.

Utilizzare il Huawei WiFi Q2 Pro risulterà abbastanza semplice, ci basterà collegare il router principale al nostro modem ed il satellite ad una presa di corrente ed entrambi si allineeranno. Per poter effettuare le prime basilari configurazioni potremo scegliere due modalità, o tramite interfaccia web raggiungibile tramite indirizzo ip assegnato dal nostro modem o tramite l’app dedicata “Ai Life”. In primis ci verrà chiesto di inserire una chiave di protezione per il nostro WiFi, che potremo poi utilizzare anche come chiave di accesso all’interfaccia web dello stesso router. La GUI è molto semplice e pulita. Nella parte superiore troviamo quattro cerchi che ci porteranno nelle sezioni principali della configurazione, ognuna composta a sua volta da tante piccole sottosezioni che ci consentiranno di effettuare quelle piccole modifiche necessarie ad una rete casalinga. Firewall, Parental Control, DMZ e tante altre funzionalità saranno facilmente raggiungibili. Il device viene costantemente aggiornato dalla casa madre e ad ogni update il software diventa sempre più stabile e veloce.

Tecnologia

Tutto il sistema è mosso dal chip proprietario Gigahome 5630 che gestisce velocemente lo smistamento di dati fra i vari satelliti e il router principale, grazie anche al sistema PLC turbo che sfrutta l’ibridazione del segnale Wireless e quello Powerline (quindi tramite corrente elettrica) per rendere il segnale stabile. La portata del WiFi a 2,4Ghz, come da tradizione, è più profonda ma meno performante, mentre il WiFi a 5Ghz offre prestazioni super sotto l’aspetto della velocità, ma meno dal punto di vista penetrativo. Tuttavia grazie alla tecnologia PLC turbo questo problema verrà saltato e potremo sfruttare la stessa velocità praticamente in ogni stanza.

Funzionalità

Una volta configurato, ci dimenticheremo di avere il Huawei Wifi Q2 Pro in casa. Esso gestirà da solo tutta la nostra rete senza costringerci ad eventuali interventi migliorativi (cambio canale WiFi, reset vari). Le connessioni sono stabili ed in autonomia grazie alle ultime tecnologie wireless, verremo switchati dalla frequenza 2,4ghz alla 5ghz a seconda della portata del segnale. E’ sempre possibile, tuttavia, dividere le due bande semplicemente assegnando ad esse due nomi diversi. La velocità di linea è stabile e non avremo mai disconnessioni o perdite di pacchetti o lag mentre giochiamo online.

Mesh o non mesh

Grazie a questa opportunità concessami da Huawei ho potuto provare per la prima volta la tecnologia mesh. La gestione delle reti fatte con questa tecnologia mi ha stupito. Certo in alcuni passaggi è ancora da perfezionare ma del resto, offre una copertura wifi davvero totale in casa. Forse è poco utile in ambienti dove la copertura wireless di un normale router non offre punti ciechi, ma diventa sicuramente necessaria in case molto grandi o con mura molto spesse, dove il segnale del router, soprattutto il 5Ghz, fatica a penetrare. Sicuramente Huawei Wifi Q2 Pro ricopre a pieno le caratteristiche tecniche e funzionali per poter rientrare nel novero dei device da considerare se si vuole allargare la portata del segnale in casa .

Continuate a seguire NerdWorld.it per scoprire altre novità, recensioni e articoli sul mondo Nerd.

  • Design
  • Interfaccia
  • Funzionalità
  • Personale
4.5